Nuoto

FAB_8551

Online le immagini di sintesi del campionato italiano di nuoto in vasca corta tenutosi a Fabriano.

Immagine anteprima YouTube
FAB_0434

L’affidabilità organizzativa della Polisportiva Fabriano Mirasole, al terzo campionato italiano in vasca corta organizzato negli ultimi 5 anni, ha permesso alla 7^ edizione dell’evento di andare in archivio come un grande successo, curato nel minimo dettaglio grazie al lavoro del team diretto da Pietro Stroppa.

Reduce da due eventi internazionali come gli Europei INAS per la classe 14 e i Trisome Games per la classe 21 (riservata alla Sindrome di Down), il movimento del nuoto italiano sembra trovarsi già in un ottimo momento di forma, nonstante l’appuntamento di Fabriano costituisse il primo banco di prova ufficiale della stagione.

Non era facile, infatti, migliorare i lusinghieri risultati sportivi ottenuti a Firenze nella rassegna mondiale nella quale l’Italia ha conquistato il primo posto nel medagliere, né tantomeno ritoccare i ben 16 record fatti lo scorso anno a Saronno. Ma, nonostante queste premesse, dalle corsie marchigiane sono arrivati 20 nuovi record italiani, due dei quali con valenza Europea.
Parliamo di Francesco Piccinini, della Polisportiva Bergamasca, recordman nei 200 e 400 misti, con tanto di primato europeo open nella seconda distanza (3’06”10). Record italiani anche per i compagni di club Paolo Zaffaroni nei 200 rana col tempo di 3’22”98 e Sabrina Chiappa nei 100 misti, nuotati in 1’38”50, con tanto di record europeo. Completano il quadro dei nuovi record per la categoria 21 Giammaria Roncato, Sport Life Montebelluna nei 100 dorso (1’27”48), Andrea Scotti (Delfini Cremona) nei 200 farfalla con il tempo di 3’24”78 e Chiara Franza della Rari Nantes Saronno nei 100 dorso con il crono di 1’39”84, a sancire a tutti gli effetti un ritorno in grande stile, così come di ritorno si può parlare per Silvia Pavanetto, già in passato nel giro della nazionale.
Ancora meglio il rendimento degli atleti appartenenti alla classe S14, capaci di modificare ben 13 record italiani.

Apertura dedicata a Xenia Palazzo della Rari Nantes Verona, reduce dall’esperienza alle Paralimpiadi di Rio e autrice del nuovo primato italiano nei 50 dorso con 36”53. Doppio record per il fratello Misha, nuovo primatista nei 100 stile libero e nei 400 stile libero, gara questa che ha regalato un serrato e affascinante duello con Kevin Casali della Tricolore Reggio Emilia, al termine del quale – dopo una rimonta dell’emiliano – Palazzo è riuscito a riprendere un minimo ma decisivo vantaggio, chiedendo in 4’28”35. Casali si rifarà alla grande nei 200 stile, con il tempo di 2’06”83.
Altro titolo italiano con annesso record per Daniele Zichella, pugliese tesserato per Verona, che riscrive il record dei 200 dorso fermando il cronometro a 2’33”16. Affermazione nei 100 farfalla per Gianluigi Franchetto, anche lui impegnato nell’ormai classico duello con Marco Scafidi. Per il nuotatore dell’Osha Como tempo record di 1’10”75, mentre Daniele Ruiu dell’Albatros Sassari è il nuovo recordman nei 100 misti, chiusi in 1’47”71. Quote rosa, oltre a Palazzo, molto attive: Rosanna Stufano della Gargano Giovinazzo fissa il nuovo record italiano nei 1500 stile libero, mentre il nome nuovo emerso da questo campionato è senza dubbio quello di Giorgia Marchi della Triestina Nuoto, classe 2001 e artefice del nuovo record italiano nei 50 rana, grazie al suo 43”40.
A questi tempi si aggiungono ben 4 staffette da record: la maschile 4×50 misti di Verona, la 4×50 misti misti di Vharese e le 4×50 stile e 4×50 mista (entrambe femminili) della Polisportiva Milanese.

Quello con Fabriano è solo un arrivederci, perchè il 30 aprile la città marchigiana e la Polisportiva Mirasole ospiteranno la terza edizione del campionato italiano giovanile, riservato alle categorie Esordienti e Junior della S14 (ovvero i nati dal 97 al 2008) e Junior della C21, per i nati dal 2001 al 2008. Un impegno, questo, particolarmente interessante, perchè il lavoro dello staff della nazionale e dei tecnici delle società con i giovanissimi, si è già dimostrato vincente. Dai giovani come Tassetti e Volpi, ai giovanissimi come Azzoni o Begnini, il vivaio è prospero e questo grazie al percorso di crescita che parte dal settore promozionale fino ad arrivare all’agonismo, una formazione graduale e mirata nella quale sono passati, ad esempio, i protagonisti dei Trisome Games e le medaglie internazionali fin qui conquistate (54 a livello INAS, 295 nelle gare DSISO) non fanno altro che confermare che questo lavoro impostato dalla Fisdir sia vincente.

Risultati Ufficiosi Campionato Italiano FISDIR di nuoto in vasca corta – S14

Risultati Ufficiosi Campionato Italiano FISDIR di nuoto in vasca corta – C21

idm berlin

Fabriano si appresta a vivere un’autentica invasione di nuotatori. Nell’impianto natatorio comunale saranno 263 gli atleti che si contenderanno i titoli nazionali in vasca corta per la stagione sportiva 2017, equamente distribuiti tra classe 21 (133) ed S14 (130). 51 le società impegnate nel fine settimana compreso tra il 10 ed il 12 Marzo, in rappresentanza di 15 regioni italiane, praticamente tutto lo stivale da Nord a Sud, isole comprese.

Una kermesse importante quella di Fabriano, primo grande appuntamento del nuoto Fisdir che quest’anno vedrà ancora Fabriano ospitare il terzo campionato italiano giovanile insieme alla FINP (con la quale è stato firmato un protocollo d’intesa LEGGI QUI); gli altri eventi previsti in calendario saranno il campionato promozionale a Portici – per il secondo anno consecutivo organizzati dalla TMA Group – e infine a Luglio gli assoluti in vasca lunga che faranno tappa a Poggibonsi, grazie all’organizzazione della Virtus Buonconvento.

Marco Peciarolo, referente tecnico nazionale di disciplina, commenta con queste parole i numeri del campionato in programma tra 10 giorni esatti: “Confermiamo il trend positivo dello scorso anno, con numeri importanti che innalzano il livello tecnico. Sarà l’esordio nel 2017 per la nostra disciplina, dove assegniamo titoli nazionali, i primi in questa stagione. Fabriano è città che ci fornisce ampie garanzie organizzative e logistiche ma, soprattutto, in una terra scioccata dagli ultimi avvenimenti sismici, questo può essere un punto di ripartenza importante per tutta la comunità”.

Da un punto di vista tecnico nessun dubbio per il tecnico ternano: “riprende, anche se non si è mai fermato, il lavoro di osservazione e scelta effettuato dal nostro staff. Sarà questa la prima occasione per vedere la crescita dei giovani e lo stato di forma di coloro hanno sempre ben figurato durante le manifestazioni passate. Soprattutto però sarà un banco di prova interessante per constatare lo sviluppo tecnico ed organizzativo delle società presenti”.

Sul protocollo d’intesa con la FINP Peciarolo è chiaro: “La firma del protocollo d’intesa è testimonianza sempre più diretta della chiara volontà di implementare il rapporto di collaborazione tecnica tra i due staff,  in ottica anche della partecipazione ai futuri eventi Ipc; non dimentichiamo che il 2016, con la partecipazione di Xenia Palazzo alle Paralimpiadi di Rio, ha rappresentato un momento storico per noi e per tutto il movimento paralimpico, con risultati ottimi raggiunti dalla ragazza a Rio”.

Novità importanti riguardano lo staff , ampiamente rodato e confermato nella sua struttura principale:  “proseguiremo il nostro lavoro di osservazione e monitoraggio dell’attività su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo per il prossimo futuro senz’altro sarà quello di intensificare anche il rapporto con i delegati regionali e con referenti di disciplina individuati a livello territoriale. Un lavoro di rete che crediamo possa essere elemento in grado di reclutare nuove leve e far crescere i nostri atleti già impegnati in vasca”.

Conferenza stampa di presentazione dell’evento venerdì 3 Marzo presso la Sala Giunta del Comune marchigiano.

13435558_10209545262256976_7661916133615561761_n

In vista del campionato italiano di nuoto in vasca corta, in programma a Fabriano dal 10 al 12 Marzo, pubblichiamo la lista degli atleti iscritti:

Campionato Italiano Nuoto Vasca Corta – C21

Campionato Italiano Nuoto Vasca Corta – S14

Per eventuali segnalazioni è possibile contattare l’Area Tecnica della Segreteria Federale all’indirizzo di posta elettronica: areatecnica@fisdir.it entro e non oltre il termine ultimo di venerdì 3 Marzo 2017.

DSC_2899

Si terrà a Fabriano, venerdì 3 Marzo, la conferenza stampa di presentazione dei campionati italiani di nuoto in vasca corta Fisdir, evento in programma dal 10 al 12 nell’impianto natatorio del comune in provincia di Ancona.

Presso la Sala Giunta del Comune marchigiano interverranno il sindaco Giancarlo Sagramola, l’Assessore allo Sport Giovanni Balducci, il Presidente della Podif Mirasole Davide Alessandroni, Pietro e Federica Stroppa in rappresentanza deglla società organizzatrice – la Polisportiva Disabili Fabriano Mirasole –, il Presidente della Caricaf Marco Ottaviani e il Presidente della Fisdir Marco Borzacchini, i quali presenteranno la settima edizione degli assoluti in vasca corta Fisdir, manifestazione alla quale prenderanno parte atleti provenienti da tutta Italia per la conquista dei titoli assoluti.

Maria Bresciani_Portabandiera

La piscina comunale di Calusco d’Adda, in provincia di Bergamo, si prepara ad accogliere il terzo raduno interregionale di nuoto, cui parteciperanno alcuni tra gli atleti della classe C21 più in vista a livello nazionale e internazionale. L’appuntamento, fissato per domenica, (26 febbraio) alle ore 14.30, sarà possibile grazie alla rinnovata collaborazione tra la PHB Polisportiva Bergamasca e il TNC Calusco.

La sessione d’allenamento, indetta dal referente di disciplina lombardo Roberto Melissano, sarà diretta da Silvia Ferrari, tecnico facente parte dello staff guidato da Marco Peciarolo, con il ternano che anche questa volta visionerà lo stato di forma degli atleti.

I prescelti sono i padroni di casa Sabrina Chiappa, Francesco Piccinini e Paolo Zaffaroni (PHB di Bergamo), Dalila Vignando, Marco Di Silverio e Andrea Lunardelli (Osha Asp Como), Giacomo Volpi e Federico Pizzini (Ice Club Como), Maria Bresciani e Andrea Scotti (Delfini Cremona) e Chiara Franza (Rari Nantes Saronno). Come nelle riunioni precedenti, sono stai invitati anche i veneti Martina Villanova e Gianmaria Roncato.

Il raduno consentirà ai partecipanti di preparare al meglio il Campionato italiano invernale di Fabriano (10-12 marzo) e di testare l’attuale stato di forma dei ragazzi.

Borzacchini e Valori1

Siglato il protocollo d’intesa che lega in maniera ancor più salda le attività della FISDIR (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale) e della FINP (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico).

L’accordo, che prevede un rapporto di collaborazione nell’ambito delle discipline sportive degli sport acquatici praticati da atleti con disabilità intellettiva e relazionale, è stato firmato dai presidenti Marco Borzacchini e Roberto Valori, concordi nello sviluppo di una comune strategia nell’ulteriore sviluppo della disciplina.

Il rapporto riguarderà principalmente l’affiliazione delle società sportive ed il tesseramento delle persone, i calendari sportivi e l’organizzazione di eventi comuni, la formazione dei quadri tecnici e la promozione della disciplina, e sarà valido per tutto il quadriennio 2017/2020.

Andiamo ad analizzare più nel dettaglio i vari punti che costituiscono il fulcro del protocollo d’intesa.

Affiliazione delle società sportive e il tesseramento delle persone

Affiliazione e tesseramento alla FISDIR e alla FINP rimangono separati e distinti, dunque è prevista la doppia affiliazione delle società e il doppio tesseramento dell’atleta per partecipare ai rispettivi programmi sportivi delle due federazioni; in sede di prima affiliazione e rinnovo annuale, al fine di favorire le società sportive che intendono affiliarsi alle due Federazioni, verrà riconosciuto uno sconto del 50% sulle quote di affiliazione. In ambito di tesseramento sarà la FISDIR a fornire alla FINP ogni assistenza ai fini della classificazione nazionale ed internazionale degli atleti disabili intellettivi e relazionali, mentre la FINP si impegnerà – ai fini della tutela sanitaria – a recepire le norme regolamentari emanate dalla FISDIR.

I calendari sportivi e l’organizzazione delle manifestazioni

Obiettivo principale sarà quello di favorire la partecipazione degli atleti ai programmi sportive delle due entità, interagendo nella stesura dei calendari territoriali e nazionali ed organizzando eventi “comuni”, aperti dunque tanto alla disabilità mentale che a quella fisica e sensoriale.

La formazione dei quadri tecnici

Viene tracciato un percorso di formazione comune per favorire la preparazione dei quadri tecnici in tema di sport natatori destinati alla disabilità intellettiva relazionale, attraverso l’organizzazione di corsi nei quali la disabilità fisica, sensoriale e mentale verranno contemporaneamente affrontate.

Promozione della disciplina

I tre punti precedentemente segnalati trascinano con loro una naturale promozione, nonché l’ulteriore sviluppo della disciplina tra le persone con disabilità intellettiva e relazionale.

Il Presidente della FISDIR Marco Borzacchini commenta con queste parole il raggiunto accordo: “Il protocollo d’intesa con la FINP rappresenta la garanzia di un’ulteriore opportunità che viene garantita ai nostri atleti in termini di attività, integrazione ed interazione. La forza del nostro movimento è data anche dalla compattezza con la quale le diverse disabilità riescono a unirsi, nel tentativo di affrontare importanti sfide sportive e garantendo, come accade nello specifico con gli sport acquatici, un sempre maggiore sviluppo della cultura sportiva paralimpica”.

Sulla stessa lunghezza di pensiero il Presidente della FINP Roberto Valori: “Con questo accordo abbiamo definitivamente sancito l’apertura definitiva al paralimpismo per gli atleti disabili intellettivi e relazionali. Il processo, iniziato già con la loro ammissione nelle gare del programma paralimpico a Londra nel 2012 e proseguito con la partecipazione di Xenia Palazzo a Rio nel 2016, si prefigge obiettivi ambiziosi che nel loro sviluppo garantiranno un miglioramento quantitativo ma soprattutto qualitativo di questa disciplina tra le persone con disabilità intellettiva e relazionale, dimostrando altresì che la famiglia paralimpica si allarga, cresce ed  interagisce con l’unico obiettivo di migliorare la qualità dello sport nel nostro paese”.

Protocollo d’intesa Fisdir-Finp