Trisome Games 2016: Firenze ospiterà l’evento mondiale

L’Italia ospiterà la prima edizione dei Trisome Games 2016 e Firenze sarà teatro del più grande evento sportivo mondiale dedicato ad atleti con sindrome di Down.

L’ufficialità arriva dopo l’ultima visita effettuata dai membri della Su-Ds (Sport Union for Athletes with Down Syndrome) – l’organismo internazionale che racchiude le federazioni sportive internazionali dedicate specificatamente a questa disabilità – e il coinvolgimento fondamentale della città di Firenze, che ospiterà la manifestazione mondiale dal 15 al 22 Luglio 2016. Importante riconoscimento per il nostro paese che, dopo aver organizzato i Global Games Inas nel 2011, si appresta a vivere un’altra esaltante sfida a livello sportivo ed organizzativo.

Atletica leggera, nuoto, nuoto sincronizzato, ginnastica, judo, tennis, tennis tavolo e calcio a 5, queste le discipline inserite nel programma della competizione internazionale che si prevede possa richiamare la presenza di oltre mille unità tra atleti e tecnici provenienti dai 5 continenti.

Geoff Smedley, CEO della Su-Ds, commenta in questo modo l’assegnazione al capoluogo toscano dei Trisome Games 2016: “Sarà la prima edizione dei Trisome Games, una manifestazione che unisce tutti gli sport attualmente praticabili dagli atleti con sindrome di Down a livello internazionale. Firenze – prosegue Smedley – è una città unica ed affascinante, con strutture sportive di primo livello che faranno da cornice a questo importantissimo evento. Spero e penso che l’affluenza sia numerosa sia in termini di atleti e tecnici che di supporters. Ci apprestiamo a vivere un evento esaltante”.

Dello stesso avviso il presidente federale Marco Borzacchini: “Sono felice da presidente federale ma soprattutto da uomo di sport che la prima edizione dei Trisome Games 2016 si svolgerà in Italia, a Firenze, una città conosciuta  ed apprezzata in tutto il mondo per le sue bellezze artistiche e che spero potrà essere ricordata anche per le straordinarie gesta dei nostri atleti. Mi auguro che l’evento – continua Borzacchini – possa essere volano per lo svolgimento della pratica sportiva  per gli atleti Down ma, anche e soprattutto, un momento importante di formazione culturale per il nostro paese e per i giovani”.

A capo del comitato organizzatore ci sarà Massimo Porciani, presidente del Comitato Regionale Toscana del Comitato Italiano Paralimpico.

Forse ti potrebbe interessare anche...