Trisome Games 2016: Maria Bresciani portabandiera

Si è svolta a Roma, presso la sede del Comitato Italiano Paralimpico, la conferenza stampa di presentazione dei Trisome Games 2016, l’evento dedicato ad atleti con sindrome di Down che si terrà a Firenze dal 15 al 22 Luglio.

Ad aprire il discorso il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Luca Pancalli che ha dichiarato: “Sono particolarmente affezionato a questo evento, i Trisome Games, perché rappresentano un momento importante per il nostro paese e per la sua cultura sportiva; per la prima volta nella storia si svolge un evento multidisciplinare dedicato esclusivamente ad atleti con sindrome di Down e si terrà in Italia. Questo – prosegue Pancalli – è un motivo di vanto, ed è per questo che mi sento di ringraziare chi ha permesso di ospitare questo straordinario evento e chi materialmente sta lavorando per garantire il migliore successo organizzativo. I Trisome Games rappresentano un momento sportivo e culturale di assoluta rilevanza, perché testimoniano le capacità di questi straordinari atleti Down, in grado di esprimere emozioni forti”. Chiusura destinata agli atleti rappresentanti la delegazione italiana: “Spero che riusciranno a portare successi al nostro paese, vincendo quelle medaglie che saranno motivo di orgoglio per tutto il movimento paralimpico”.

A rappresentare la città di Firenze l’assessore allo sport Andrea Vannucci, felice di poter ospitare un evento importante, con numeri rilevanti: “Ci siamo! Dopo un anno e oltre di duro lavoro, in cui Firenze è scesa in campo per garantire la realizzazione di un evento che abbia la stessa dignità degli altri, siamo arrivati a fine di un percorso e siamo convinti che questo darà enormi soddisfazioni. Manca poco meno di una settimana all’inizio ufficiale di una manifestazione imponente, che porterà a Firenze 36 nazioni dai cinque continenti e oltre mille accreditati. Ringrazio tutti i partner, gli sponsor e quanti stanno mettendo in piedi questa nave che è pronta a salpare”. Anche Andrea Vannucci chiude con un pensiero agli atleti: “L’importante è partecipare ma è anche bello vincere e spero che Firenze sia per voi piena di successi sportivi e personali”.

La genesi dell’evento l’ha spiegata nel suo intervento Marco Borzacchini, presidente della FISDIR: “Il mio intervento non può che prendere le mosse da una affermazione del Presidente Pancalli che durante la consegna al Quirinale della bandiera agli atleti olimpici e paralimpici che saranno impegnati a Rio ha ringraziato il Presidente della Repubblica per la sensibilità dimostrata nei confronti di quella parte della famiglia paralimpica che lui ha giustamente definito “la più delicata”, quella con maggior bisogno di attenzione e cura: gli atleti con sindrome di Down. Lo sport competitivo per gli atleti down è una conquista recente, frutto più che di uno sviluppo tecnico e di un nuovo approccio culturale in cui l’Italia ha recitato e reciterà un ruolo fondamentale”. Chiosa finale sulla scelta del portabandiera, che ha premiato Maria Bresciani: “49 titoli tra mondiali ed europei e 9 record ci hanno spinto a scegliere lei per questo ruolo importante”.

Alessio Focardi, presidente del COL, ha tirato le somme a pochi giorni dall’inizio: “Stiamo compiendo uno sforzo importante per dare il massimo agli atleti, ai tecnici, ai supporters ma, tutto questo, è possibile solo perché abbiamo costituito una squadra forte, salda, capace di sostenere l’impatto di un evento che farà bene alla città di Firenze, all’Italia, al mondo e al nostro movimento”.

Insieme ai partner dell’evento, Lottomatica – Gioco del Lotto, Menarini, ENI e Stato Maggiore della Difesa, presenti anche tre atleti della nazionale azzurra che parteciperà ai Trisome Games 2016, Nicole Orlando, Paolo Alfredo Manauzzi e Maria Bresciani, tutti emozionatissimi e pronti a vivere un’esperienza da protagonisti.

Forse ti potrebbe interessare anche...