Mondiali Inas: sei medaglie per l’Italia

Ultima giornata ricca di medaglie per la nazionale azzurra impegnata nei campionati mondiali di atletica Inas ad Ancona.

La nazionale guidata da Mauro Ficerai vince altre tre medaglie che, dopo quelle di Di Maggio sui 60 e delle staffette 4×200 maschile e femminile, portano a sei il computo totale del medagliere azzurro. “Abbiamo fatto molto bene, sono contento per il risultato ottenuto dalla nostra nazionale e anche da come sono andate le cose da un punto di vista organizzativo” – il primo commento di Mauro Ficerai – “e sono convinto che l’età media della squadra davvero bassa ci debba far pensare ad un futuro roseo per il nostro movimento”.

Laura Dotto, negli 800, vince il primo argento mondiale individuale della sua carriera (gara dominata dall’olandese Kervhov) e, poco dopo, insieme a Bidoia, Repetto e Cataldi, conquista un altro argento, questa volta nella staffetta 4×400 femminile. Trionfo anche per gli azzurri al maschile: Di Maggio, Koutiki, Bertolaso e Di Mauro si arrendono solo agli inarrivabili spagnoli e ai fortisimi ucraini, ma mettono in fila Portogallo, Turchia e Francia, conquistando un bronzo che ha il sapore dolcissimo di un trionfo.

A Schimmenti non riesce l’impresa di arrivare a podio nei 200, gara vinta dal francese Massianga con un roboante 22’’38, che vedrà il marchigiano sesto al traguardo.

Cristiano Pereira vince in volata gli 800 maschili ai danni dell’agguerrito ucraino Shcherbyna, che lo seguirà sul traguardo a meno di un secondo.

Doppietta lusitana nell’alto: Cunha e Ramos vincono due medaglie d’oro, mentre la Shuliar è davvero troppo nella finale dei 200, chiusa in 27’’05.

Dominio portoghese nella classifica a squadre, dove vince il team competition uomini e donne.

 

Medagliere Italia:

 

1 oro: Di Maggio – 60 metri

3 argento: Laura Dotto – 800, Staffetta 4×400 femminile e staffetta 4×200 maschile;

2 bronzo: Staffetta 4×200 femminile e 4×400 maschile.

Forse ti potrebbe interessare anche...