Contropiede: presentato il progetto a Ferrara

Presentato nella mattinata di oggi, presso la Sala Arengo del Comune di Ferrara il progetto “Contropiede”, realizzato grazie alla sinergia tra FISDIR (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale) e Fondazione Vodafone attraverso la piattaforma Oso – Ogni Sport Oltre.
Alla presenza dell’Assessore allo Sport Simone Merli, del Presidente dell’ente Palio Stefano Di Brindisi, del Questore Giancarlo Pallini e del patron della SPAL Francesco Colombarini si è svolta la conferenza stampa che rappresenta il kick off dell’ambizioso progetto che, toccando vari territori italiani colpiti dal sisma (Emilia, Marche, Umbria, Campania), si prefigge l’obiettivo di dare nuovo impulso all’attività sportiva nelle zone colpite dalla calamità che, ove non uccide, sicuramente crea forti disagi, soprattutto su quelle categorie di persone – anziani, disabili, indigenti – già duramente provati dallo loro esistenza e che il sisma rischia di minarne le pochi ma importanti certezze acquisite, tra cui appunto lo sport.
Creare ex novo delle nuove realtà calcistiche riservate ad atleti con disagio intellettivo relazionale e realizzare una serie di eventi di caratura nazionale ed internazionale che possano alimentare l’eco intorno ai valori dello sport paralimpico gli obiettivi principali di un progetto che il Presidente della FISDIR marco Borzacchini commenta con queste parole: “Abbiamo voluto realizzare questo progetto perché crediamo nella possibilità, attraverso lo sport, di dare un ulteriore impulso alla rinascita di zone distrutte dal terremoto ma ch hanno voglia di rinascere e tornare alla normalità di tutti i giorni. Il calcio, in questo senso, rappresenta un veicolo importante per sensibilizzare l’opinione pubblica. Sarà un lavoro difficile, ma insieme con istituzioni e partner, giocando di squadra, faremo un ottimo lavoro dando il nostro contributo alle comunità coinvolte”.
Dello stesso parere il Consigliere di Fondazione Vodafone Italia Maria Cristina Ferradini: “Lo sport rappresenta uno straordinario strumento di socializzazione e di inclusione. Dove c’è sport, ci sono dialogo e confronto e si possono superare barriere apparentemente invincibili, come talvolta sembrano essere quelle della disabilità, dichiara Maria Cristina Ferradini – consigliere delegato della Fondazione Vodafone Italia.
Da questa convinzione è nato OSO – ognisportoltre.it, la comunità digitale che riunisce gli atleti con disabilità intorno ai valori fondanti dello sport, e vuole essere un punto di confronto e partenza per moltiplicare lo occasioni di incontro e confronto, nella vita e sul campo.
Siamo felici di sostenere il progetto “Contropiede”, che grazie all’attenta regia della FSDIR, riesce a coinvolgere associazioni e cittadini in una festa dello sport che si svilupperà in diverse regioni e che avrà il suo culmine con la costruzione di un campo di calcio a 5 nelle zone colpite dal sisma del 2016.
Gli atleti che vedremo qui a Ferrara in questi due giorni, sono il miglior esempio sportivo di cosa significa essere sportivi determinati ed ambiziosi e parte di un gruppo ed una comunità che ti supporta per crescere come persona e come atleta”.

Finale tutto dedicato alle nazionali C21 (Sindrome di Down) e Open impegnati da oggi e fino a domenica in un raduno tecnico a Ferrara.

Grandi applausi per i Campioni del Mondo in carica.

Forse ti potrebbe interessare anche...